itenfr +39.388.7903003 roots.italian@gmail.com

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login
itenfr +39.388.7903003 roots.italian@gmail.com

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login
Formula 1

Chi era Ayrton Senna? All’anagrafe è Ayrton Senna da Silva, nato a San Paolo (Brasile) il 21 marzo 1960 e morto l’1 maggio 1994 in seguito ad un incidente durante il Gran Premio di San Marino di Formula 1. Senna nacque in una famiglia benestante da Neide Senna, brasiliana di origini italiane, napoletane per essere più precisi, e Minton da Silva imprenditore e proprietario di diverse fattorie. Utilizza il cognome della madre visto che da Silva era molto diffuso in Brasile. Ayrton inizia a muovere i primi passi nel mondo dei motori all’età di 12 anni, quando il padre gli costruisce il primo Kart e con questo conquista il Campionato Junior. A 17 anni conquista il suo primo titolo internazionale per poi sbarcare in Italia, a Milano, con la scuderia Dap. Con questa scuderia fu protagonista nel mondiale 1979 e 1980 sfiorando il titolo di campione per 2 volte senza mai raggiungerlo. L’anno seguente va in Inghilterra, dove inizia a correre in Formula 3 per poi fare il salto di qualità in Formula 1. Da lì a breve Ayrton Senna diventa uno dei piloti più forti di tutti i tempi. Infatti, negli anni a seguire vincerà il campionato del mondo per 3 volte ed arriverà 2 volte al secondo posto, fino ad arrivare a quel tragico pomeriggio in cui va a schiantarsi con la sua monoposto a più di 300 km orari alla curva Tamburello del circuito di Imola, per la rottura del piantone dello sterzo. Ayrton Senna muore facendo quello che ha amato per tutta la vita, correre.

Sia in patria che fuori ci furono diverse iniziative in memoria del grande campione ayrton senna: il governo brasiliano dichiarò tre giorni di lutto nazionale, mentre nel circuito di Imola gli fu dedicata una statua nei pressi della curva delle Acque Minerali, nel 1994 la Ducati gli dedica una moto e molte altre citazioni furono intitolate al campione brasiliano.

Leave a Reply

Get a Question?

Do not hesitage to give us a call. We are an expert team and we are happy to talk to you.

1.8445.3356.33

Help@goodlayers.com

Recent Articles

Tradizioni e radici
Tradizioni e radici
6 Gennaio 2022
Il Cattivo delle Serie TV
11 Dicembre 2020
Una scoperta davvero eccezionale
4 Dicembre 2020