itenfr +39.388.7903003 roots.italian@gmail.com

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login
itenfr +39.388.7903003 roots.italian@gmail.com

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login

Pochi ingredienti, farina, acqua, sale, olio, lievito, pomodoro, mozzarella (fior di latte) e basilico, sono alla base di un alimento che porta i colori della nostra bandiera in giro per il mondo: la pizza margherita.

Sin dall’antica Grecia fu utilizzato come piatto un disco di pasta condita a piacimento, del quale abbiamo prova da un passo dell’Eneide di Virgilio.

Nel 997, su un atto di locazione di un mulino sul fiume Garigliano (tra Lazio e Campania), compare per la prima volta il termine pizza in cui, a Natale e a Pasqua oltre all’affitto si doveva corrispondere al proprietario anche 12 pizze.

Nel corso dei secoli continua a venire usato questo disco circolare e dopo la scoperta dell’America entra a far parte degli ingredienti usati anche il pomodoro.

Nel 1830 nel libro “Napoli, contorni e dintorni” il Riccio descrive un impasto condito con mozzarella e basilico dove il pomodoro è messo sopra tutti gli altri ingredienti.

Francesco de Boucard, nel 1858, nel libro “Usi e costumi di Napoli e dintorni descritti e dipinti” parla di varie combinazioni di condimento tra cui quella con pomodoro, mozzarella e basilico.

Ma l’episodio che rimane nella memoria è quello legato al giugno 1889, quando i sovrani Umberto I e Margherita di Savoia, in visita alla Reggia di Capodimonte, commissionarono al pizzaiolo Raffaele Esposito della pizzeria Brandi tre pizze, tra queste la regina trovò quella con il pomodoro, mozzarella e basilico la più gustosa e chiedendo al pizzaiolo come si chiamasse, furbamente per onorare la regina, egli rispose “Pizza Margherita“.

Il 05 febbraio 2010 la pizza margherita è ufficialmente riconosciuta come Specialità tradizionale garantita dall’Unione Europea e dal 2017 “l’arte del pizzaiuolo napoletano” diventa patrimonio mondiale dell’UNESCO, questa è un’antica pratica culinaria che prevede varie fasi, tra le quali: la preparazione dell’impasto, un movimento rotatorio fatto dal pizzaiolo e la cottura del forno a legna.

Se la lettura di quest’articolo ti ha fatto venire l’acquolina in bocca ti invitiamo a mangiare una pizza con noi in una delle migliori pizzerie di Napoli nel tour Panorama sul Golfo.

Leave a Reply

Get a Question?

Do not hesitage to give us a call. We are an expert team and we are happy to talk to you.

1.8445.3356.33

Help@goodlayers.com

Recent Articles

Lacryma Christi: tra storia e mito
20 Novembre 2020
Origini italiane
6 Novembre 2020
Portando doni
24 Ottobre 2020